⭠ Torna al blog

VINITALY & MARKETING TERRITORIALE: COME DARE VALORE AL PROPRIO TERRITORIO 

11/04/2024 · Tempo di lettura: 5 minuti
Indice:

Hai mai riflettuto sul grande potenziale del marketing territoriale e su come un luogo possa essere trasformato in un brand attraverso il marketing?

Prendi Verona, ad esempio, e una delle manifestazioni più importanti, il Vinitaly, una vetrina di eccellenze enologiche, ma anche (e soprattutto) un evento che trasforma la città in una destinazione irresistibile per migliaia di visitatori da ogni angolo del pianeta, promuovendo così Verona e il suo territorio.   

IL VINITALY A VERONA 

Il Vinitaly è quindi un esempio di come un evento possa promuovere notevolmente il patrimonio territoriale e possa contribuire a creare valore per un particolare luogo. L’esposizione, infatti, non si limita solo ai padiglioni della fiera: Vinitaly and the City, per esempio, porta il fascino della degustazione nelle storiche piazze veronesi, offrendo un’esperienza che unisce cultura, storia e sapori.    

In questo contesto, web e social giocano un ruolo cruciale, amplificando le storie di successo, connettendo produttori e appassionati, e rendendo ogni angolo di Verona protagonista sul palcoscenico digitale.  

Marketing Territoriale - Vinitaly

IL MARKETING TERRITORIALE: COS’É E QUAL É IL SUO VALORE

Ed ecco che entriamo nel vivo della questione: tutto quello che hai appena letto rientra proprio nel concetto di “marketing territoriale”, definito dall’economista Kotler come: 

Un insieme di azioni collettive poste in atto per attrarre in una specifica area o territorio nuove attività economiche e produttive, favorire lo sviluppo delle imprese locali e promuovere un’immagine positiva

In altre parole, il marketing territoriale mira a valorizzare un’area o territorio per renderlo più attraente sotto vari aspetti: economici, turistici, culturali. 

Così Verona, attraverso Vinitaly, dimostra come un evento possa non solo elevare il profilo di una città ma anche creare una narrazione coinvolgente che attragga investimenti, visitatori e talenti. 

Verona diventa così non solo la capitale del vino, ma un esempio lampante di come un territorio possa trasformarsi in un brand vivente e dinamico, raccontato e promosso attraverso specifiche strategie di marketing.

TARGET E BENEFICI DEL MARKETING TERRITORIALE

Ma chi sono i soggetti destinatari della comunicazione? Innanzitutto, un importante aspetto da sottolineare è che il marketing territoriale indirizza la sua comunicazione non solo verso l’esterno, attirando turisti e visitatori ma anche verso l’interno, rafforzando il senso di appartenenza degli abitanti stessi e il loro legame emotivo con la città. 

Nel caso del Vinitaly, se sei un’amante del vino e partecipi all’evento, rappresenti sicuramente il target perfetto per i marketers. 

Potremmo dire che oggi, non sono solo le aziende ad essere in competizione tra di loro per offrire il miglior prodotto all’interno del mercato, ma lo sono anche i territori, che agiscono come veri e propri attori economici, attuando una serie di strategie di marketing ad hoc per promuovere sé stessi e quello che hanno da offrire: ecco perché si parla di marketing territoriale. É proprio la città o un determinato territorio a diventare brand, che deve coinvolgere il maggior numero di persone possibili. 

Perciò, diversi sono i soggetti che possono beneficiare della promozione di un territorio: i comuni, le province ma anche le imprese private. 

Durante Vinitaly, ogni partecipante, dal turista al professionista del settore, diventa un ambasciatore potenziale di questa esperienza. E il web, in primis i social media, amplificano queste voci, trasformando ogni post, storia o tweet in un invito a scoprire Verona e le sue meraviglie.

 

Marketing Territoriale - Vinitaly 2

REALIZZA IL TUO PIANO DI MARKETING TERRITORIALE

Se sei interessato anche tu a creare una perfetta strategia di marketing territoriale, inizia pianificando gli obiettivi e i risultati che vuoi raggiungere. In particolare ci sono  6 fasi che ti consigliamo di rispettare:

  1. Analizza l’identità territoriale: un buon punto di partenza è analizzare le caratteristiche distintive del territorio che desideri promuovere e le risorse che offre.
  2. Definisci degli obiettivi: in secondo luogo, definisci gli obiettivi della tua strategia, tenendo bene in mente che devono essere SMART (Specifici, Misurabili, Raggiungibili, Rilevanti, e Attuabili entro un determinato Tempo).
  3. Identifica il target di riferimento: poi, a seconda delle tue esigenze e preferenze, individua il target migliore come destinatario del tuo messaggio. Puoi scegliere turisti, residenti, imprese, comuni, investitori o anche più soggetti diversi tra loro. A seconda del target, dovrai attuare una mirata strategia di comunicazione. 
  4. Crea il messaggio: esso deve essere coerente con gli obiettivi che ti sei prefissato e soprattutto deve comunicare in maniera chiara e definita ciò che il territorio promuove. 
  5. Seleziona il canale di comunicazione: una volta definito il messaggio, lo devi veicolare scegliendo lo strumento di comunicazione migliore per raggiungere il target. Tra gli strumenti di comunicazione, ad esempio, puoi optare per pubblicità, eventi, fiere, siti web e social media. 
  6. Monitora e valuta: infine, devi monitorare la strategia valutando attentamente i risultati ottenuti. Per fare questo, puoi esaminare i dati osservati durante un prima fase di analisi, gli esiti che ne derivano e i feedback ottenuti dal tuo target di riferimento.  

PER CONCLUDERE

Il marketing territoriale, specialmente quando intrecciato con eventi di calibro come Vinitaly e potenziato dalla forza del digitale, può fare molto più che promuovere un territorio. Può trasformarlo in una destinazione amata, un brand riconosciuto e un luogo dove storie e tradizioni vivono e si rinnovano ogni giorno. In questo viaggio, il web e i social sono alleati preziosi, capaci di tessere connessioni umane attorno a valori condivisi, storie di eccellenza e passioni autentiche.

Intraprendere una strategia di marketing territoriale oggi significa quindi abbracciare il futuro, valorizzando le radici e le peculiarità del proprio territorio attraverso l’innovazione digitale. E in questo scenario, Verona e Vinitaly si confermano pionieri di un movimento che vede nella sinergia tra cultura, enologia e digitale la chiave per un successo sostenibile e inclusivo.

Il mondo digitale è una sfida continua per la tua impresa.
Ti aiutiamo a vincerla e a emergere con le migliori soluzioni e strategie!

Richiedi informazioni

Raccontaci la tua storia digitale


(* Campi obbligatori)