⭠ Torna al blog

Gli #hashtag su Instagram: come usarli per farsi notare

17/07/2020 · Tempo di lettura: 2 minuti
Indice:
 

Ogni giorno vengono utilizzati su Instagram milioni di hashtag, ovvero quelle etichette formate dal simbolo # seguito da una parola o un insieme di parole, che ha la funzione di aggregare argomenti e tematiche. Cliccando sull’hashtag, infatti, si apre una ‘pagina’ con tutti i post pubblicati con quel tag, che è anche possibile seguire come un profilo.    

Su Instagram (a differenza di altri social, come ad esempio Facebook) gli hashtag funzionano bene. Per questo vengono utilizzati in grande quantità per partecipare a conversazioni e trend, e connettere il proprio post al mondo esterno.
Se considerassimo il nostro profilo Instagram come un negozio, infatti, si potrebbe paragonare l’hashtag alla sua vetrina. L’hashtag, cioè, ci permette di essere visti dalle persone ‘di passaggio’, che potrebbero essere interessate proprio a quello che vendiamo
Quante volte avete deciso di entrare in un negozio spinti dai prodotti mostrati in vetrina? Fate un rapido calcolo e avrete la percentuale di importanza degli hashtag su Instagram. 

Se gli hashtag sono uno strumento fondamentale per emergere su Instagram, va da sé che scegliere quelli più corretti diventa importante, almeno quanto scegliere la foto che andrà a comporre il post. 
Per questo è importante non inserire hashtag senza cognizione di causa, ma seguire poche semplici regole.

 
  1. Instagram ti permette di inserire fino a 30 hashtag a descrizione: possono essere ampliati con altri 30 a commento, ma esagerare con gli hashtag non porterà a nessun risultato. Se scelti bene, 30 hashtag sono più che sufficienti;
  2. scegli hashtag che siano pertinenti e utilizzati, facendo attenzione a creare un giusto equilibrio tra hashtag con tanto volume di ricerca, e quelli con meno: la prima opzione infatti rischia di far ‘annegare’ il post in un mare di foto, la seconda invece farà finire il post in una ’strada’ poco frequentata. In entrambi i casi, il post sarà visto da poche persone e l’effetto vetrina annullato;
  3. quando scegli un hashtag da inserire nel tuo post, mettiti nei panni di chi li sta monitorando e cerca di andare al punto: stai parlando di una bella casa al mare in Toscana? Scrivere #toscana potrebbe non portare alla tua foto utenti davvero interessati, cosa che potrebbe fare invece #toscanamare. L’hashtag più preciso, che restringe il campo, individua utenti più interessati al tuo profilo;
  4. continua a cercare nuovi hashtag e sii creativo: l’hashtag perfetto per tutti i post non esiste. Esiste l’hashtag giusto che porterà risultati per alcune foto o alcuni periodi, ma utilizzare sempre gli stessi potrebbe rivelarsi controproducente. È consigliato continuare a monitorare e cercare nuovi hashtag, guardare i loro volumi di ricerca e tenere d’occhio quelli che vengono utilizzati da account simili ai nostri;
  5. infine, ma non meno importanti, non dimenticare di inserire gli hashtag anche sulle Instagram Stories, che possono essere inseriti con lo sticker per aumentare la ‘discoverability‘.

Hai scelto l’hashtag giusto e gli utenti stanno arrivando sul tuo profilo?

Il mondo digitale è una sfida continua per la tua impresa.
Ti aiutiamo a vincerla e a emergere con le migliori soluzioni e strategie!

Richiedi informazioni

Raccontaci la tua storia digitale


(* Campi obbligatori)